Abitare la notte è come indossare una dimensione mentale, una disposizione dello spirito, attraverso i confini del tempo e dello spazio che delimitano la soglia tra il buio e la luce.

“Pulsazioni sincopate, ritmo ipnotico e rossetti sbavati al sole: è una repubblica fondata sul dancefloor!”cit